C.R.E.D. Centro Risorse Educative e Didattiche



Esperienze laboratoriali per le famiglie delle scuole dell′infanzia

La proposta di attivare un intervento che favorisca una riflessione e che valorizzi il ruolo genitoriale nel non facile compito della “Educazione primaria” tiene conto dei cambiamenti sociali che intervengono nelle trasformazioni dei nuclei familiari, che condizionano molto da vicino la vita dei figli; del cambiamento del contesto economico di riferimento, alla fine di una pandemia che spesso disegna scenari familiari e sociali diversi rispetto al passato, che possono condizionare i comportamenti nel gruppo familiare; dell’uso delle nuove tecnologie che si sono utilizzate e che si utilizzano nelle famiglie e nelle scuole anche con i più piccoli, che hanno trovato per loro spazi di permissività diversi rispetto al periodo precedente la pandemia.
I laboratori che si propongono sono rivolti alle famiglie dei bambini che frequentano la scuola dell’infanzia con l’obiettivo di offrire loro forme di supporto per poter affrontare al meglio le sfide educative che investono anche il rapporto interpersonale e la relazione con i figli.
Nei laboratori si utilizzano la lettura ad alta voce, la narrazione di storie e fiabe della tradizione, storie in rima, canti, musica ed esplorazione sonora, per sensibilizzare e sostenere i genitori a una buona relazione coi propri figli attraverso l’arte dell’ascolto, l’arte della parola e l’arte della musica, intese come pratiche di benessere. Si tratta di pratiche che richiedono un esercizio importante di ascolto reciproco. Sia la lettura ad alta voce, così come il racconto e la musica eseguita dal vivo sono strumenti di educazione all’ascolto, per creare e consolidare la relazione educativa nella coppia genitore figli. Questo progetto è un invito a promuovere le pratiche di ascolto in famiglia per aumentare le occasioni di esercizio dell’attenzione, favorire lo scambio di visioni del mondo e valori, educare all’empatia, promuovere l’apprendimento di parole e l’esplorazione dei significati, offrire un repertorio di storie che fungano da orientatori di scelte, promuovere la trasmissione delle tematiche e delle strutture narrative tipiche della nostra letteratura; favorire un’aumentata  capacità di lettura e interpretazione delle immagini e del loro potere di significazione e narrazione; offrire una varietà di storie per limitare la stereotipizzazione su temi identitari e culturali, favorire inclusione, potenziare il potere orientativo delle storie.


Metodologia
Le famiglie sono accolte in uno spazio “scenico”, ascoltano musica dal vivo (classica e contemporanea in un’ampia gamma di tipi) eseguita con il flauto traverso, canzoni con ritornelli da imparare e cantare insieme sostenendo il lavoro delle operatrici, esplorazioni sonore (mettendo a disposizione carta, legno, strumenti, elementi naturali, oggetti d’uso comune…) narrazione con il supporto di teatrini e kamishibai, albi illustrati, cercando di inserire sempre nel repertorio storie e fiabe della tradizione, storie in rima, filastrocche con l’obiettivo di perseguire un’offerta all’insegna della varietà di generi e linguaggi. Al termine dell′incontro vengono indicate proposte bibliografiche e discografiche per la pratica in famiglia.

Partecipanti
Le famiglie dei bambini che frequentano la scuola dell’infanzia

Attività
Il percorso prevede 5 laboratori della durata di 5 ore per un totale di 25 ore complessive.
I laboratori di educazione all’ascolto saranno realizzati nelle biblioteche del territorio.

Tempi
Calendario da definire

Esperti coinvolti
Silvia Rubes e Cristina Menozzi

Aggiornato al 19/10/2023

Ente gestore del CRED Valdera per il triennio 2011/2013, in convenzione con l'Unione dei Comuni della Valdera:
Associazione "Crescere Insieme" ONLUS
Sede Legale: Via Collodi, 20 - 56025 loc. La Rotta - Pontedera (PI) - C.F 01286950504
credvaldera@unione.valdera.pi.it - 0587 299507